Prezzo dei condizionatori come distinguerne uno buono da uno economico

SEO per Ecommerce
27 Marzo 2020
Come lanciare la tua attività online
6 Aprile 2020

I condizionatori d’aria sembrano tutti uguali, ma in realtà differiscono uno dagli altri. Ciò è evidenziato soprattutto dalla differenza di prezzo con cui vengono venduti. Un modello da 9000 Btu può costare 300 euro così come 1000 euro. Come mai tutta questa differenza di prezzo? Cosa dobbiamo controllare prima di acquistarne uno?

Ci siamo affidati agli specialisti di assistenza e installazioni condizionatori a Roma, ditta specializzata che monta i climatizzatori nella capitale.

Il primo parametro da controllare, e che giustifica la differenza di prezzo tra un modello e l’altro è l’indice SEER.

SEER sta per “Rapporto di efficienza energetica stagionale”. È una misura di quanta energia utilizza un condizionatore d’aria per funzionare nell’arco di un anno. Più alto è il punteggio, minore è l’energia che usano. I condizionatori economici possono avere un SEER di 5, quelli al top di gamma e quindi piu’ costosi arrivano a 9.

I componenti principali di questa classificazione sono Btu e chilowattora – kWh in breve. Per la classificazione SEER, uniamo la quantità di calore che il sistema rimuove con la quantità di energia utilizzata dall’unità.

Quell’energia è l’elettricità che gestisce l’aria condizionata. L’elettricità in casa viene misurata in kWh. Per ottenere il punteggio, dai un’occhiata ai BTU che l’unità può rimuovere durante l’intera stagione di raffreddamento. Quindi, dividerlo per il numero di kWh necessari per farlo.

L’Seer si riferisce alla fase di raffreddamento, stesso discorso per lo SCOP altro parametro da controllare che si riferisce pero’ al riscaldamento. I condizionatori infatti possono essere usati anche in inverno per riscaldare. La differenza nello SCOP tra un modello economico ed uno costoso non è così marcata come con il SEER.

In che modo il parametro SEER del condizionatore d’aria può farmi risparmiare?

Una valutazione SEER misura quanta energia utilizza il tuo condizionatore d’aria. Più alto è il valore, minore è l’energia utilizzata dall’unità. Meno energia significa bollette mensili più basse ? Pertanto, l’acquisto di un AC con un rating SEER elevato comporterà bollette energetiche inferiori rispetto a un’unità meno efficiente.

Non si tratta di una cosa da poco visto che i condizionatori d’aria assorbono molta energia elettrica. Un modello da 12000 Btu a regime può assorbire anche 1000 watt, per 10 ore di uso fanno 10 Kw. Ponendo che 1 Kw di energia elettrica costi 25 centesimi di euro, fanno 2.5 euro per 10 ore di uso. Un condizionatore con SEER doppio dimezza i consumi e nell’ arco di 6 mesi di uso il risparmio è evidente. Quindi se avete intenzione di usare per molto tempo il climatizzatore, il parametro SEER è importantissimo.

Un climatizzatore con SEER alto è un elettrodomestico in classe A+++.

Altri parametri che influenzano il prezzo finale di un condizionatore sono:

  1. la potenza espressa in BTU
  2. la marca, ad esempio brand leader come Daikin e Mitsubishi costano di piu’
  3. la presenza della connessione wifi per la gestione da remoto, molto importante per le cave vacanze e per gli hotel che possono spegnere il condizionatore quando gli ospiti lasciano l’abitazione.
  4. sistemi multisplit costano piu’ dei monosplit. Un multisplit è un impianto composto da un motore e vari split interni da installare in ambienti diversi da climatizzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *